Emergenza COVID-19: circolare per gli enti, aggiornamento 8 marzo 2020


Si fa seguito alle proprie circolari di pari oggetto del 24 e 25 febbraio e del 2 e 6 marzo uu.ss. per fornire ulteriori indicazioni aggiornate circa l’impiego degli operatori volontari di servizio civile alla luce di quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri adottato il giorno 8 marzo 2020.

In particolare, la presente circolare introduce nuove misure specifiche per i territori di cui all’art. 1 del richiamato DPCM 8 marzo 2020 ossia: regione Lombardia e province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia.

Nei suddetti territori, in attuazione di quanto previsto dallo stesso art.1 del DPCM che, allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, dispone di “evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori […], nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute” si stabilisce la sospensione dei progetti di servizio civile, limitatamente alle sedi di attuazione presenti nei territori stessi, e la conseguente sospensione dal servizio da parte degli operatori volontari. Le suddette sospensioni si applicano, allo stato attuale, fino al 3 aprile 2020, e vanno intese, in considerazione della straordinarietà della situazione e della durata ridotta, come ulteriori giorni di permesso straordinario per causa di forza maggiore, in aggiunta a quelli indicati dalle “Disposizioni concernenti la disciplina dei rapporti tra enti e operatori volontari del servizio civile universale” del 14 gennaio 2019.

—> continua a leggere

Fonte: www.politichegiovaniliserviziocivile.gov.it

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *